Cos'è il trust - Avvocato Francesca Romana Lupoi

Vai ai contenuti
spaziatore
Cos'è il trust
 
Immagine Cos'è il trust
Per Trust si intendono i rapporti giuridici istituiti da una persona, il costituente... qualora dei beni siano stati posti sotto il controllo di un trustee nell'interesse di un beneficiario o per un fine specifico.
(art. 2 Convenzione de l'Aja, 1 luglio 1985)
 

  • Nel Trust ci sono tre soggetti: il disponente, il trustee e il beneficiario o i beneficiari, un eventuale altro soggetto che è il guardiano.
  • Nel Trust si realizza un trasferimento di beni e di diritti dal disponente al trustee per effetto del quale il trustee ne diviene proprietario, un proprietario finalizzato, con il vincolo di gestirli nell’esclusivo interesse del beneficiario.
  • I beni in Trust non appartengono al patrimonio personale del trustee: costituiscono un patrimonio separato.
  • Il trustee viene scelto dal disponente individuando una persona in cui il disponente ripone la sua fiducia. Il trustee può essere una persona, fisica o giuridica, non vi sono limitazioni o requisiti particolari, se non la fiducia che è all'origine della scelta di quel particolare trustee; stesso discorso si applica al guardiano.
  • L'essenza del Trust sta nelle obbligazioni fiduciarie del trustee.
  • La nomina del guardiano risponde all’esigenza di sostenere il trustee nelle scelte più importanti assunte dallo stesso. Il guardiano può revocare, in ogni momento, il trustee.
  • Il Trust non si deve istituire se il disponente ha una situazione finanziaria prossima all’insolvenza.
  • Il Trust è uno strumento giuridico per la tutela di interessi meritevoli di tutela.
 

Finalità del Trust

 

Il Trust può avere molteplici applicazioni, poichè è uno strumento flessibilie che si adatta alle diverse situazioni personali, familiari e aziendali:

 

  • Piena legittimità del Trust in Italia da parte di cittadini italiani, c.d. “Trust interno” introdotto in Italia dalla legge 16 ottobre 1989, n. 364, entrata in vigore il 1° gennaio 1992 che ha ratificato la Convenzione de l'Aja relativa alla legge sui Trusts ed al loro riconoscimento
  • Effetto reale di protezione dei beni conferiti nel fondo in Trust: i beni sono separati dal patrimonio personale del trustee e destinati esclusivamente per il perseguimento delle finalità del trust
  • Strumento utilizzabile da chiunque, non si impiega solo per grandi patrimoni, ma deve essere "grande" la finalità! Esame concreto della meritevolezza degli interessi

 

 

Trust di scopo

 

  • Un Trust di scopo è un Trust senza beneficiari ma con una finalità, meritevole, da perseguire. Se lo scopo rientra nelle attività benefiche o di pubblico interesse il Trust sarà di pubblico interesse
  • Il Trust può assumere la veste di Trust Onlus, ora E.T.S. (Ente del Terzo Settore), come ad esempio un trust per raccogliere donazioni
  • Il vantaggio che il Trust Onlus o, comunque di un Trust istituito per finalità benefiche, offre ai potenziali donatori è la tranquillità della segregazione e della certa destinazione di quanto donato ... come ad esempio il "Trust Ponte Morandi"

 

 

Trust per la famiglia

 

  • Famiglia: terreno di elezione del Trust: la famiglia nel Trust è intesa non solo quella fondata sul matrimonio
  • Trust istituiti dai nonni per garantire ai nipoti un futuro
  • Trust a tutela delle coppie omosessuali
  • Trust a tutela delle coppie di fatto
  • Trust di protezione dei beni della famiglia: un palazzo storico, beni mobili, il patrimonio familiare che, una o più generazioni, hanno faticosamente creato e che si intende resti unito più a lungo possibile nel tempo
  • Tutela degli interessi in una procedura di separazione e divorzio: garantire nel tempo che la parte che si è assunto delle obbligazioni le adempia. Ultime notizie dal Tribunale di Roma: Primo provvedimento emanato da un giudice romano, su intervento dell'Avvocato Francesca Romana Lupoi, in tema di autorizzazione all'istituzione di un trust in sede di divorzio...Sentenza ... per maggiori approfondimenti

 

 

Trust per il "Dopo di noi"

 

  • Chi penserà a mio figlio, dopo di me? Il Trust può essere una valida risposta a questa domanda angosciante e, spesso, rimasta senza risposta, dei genitori di una persona disabile
  • Trust per la creazione di un progetto di vita per quando i genitori non ci saranno più. Il progetto cura tanto l’aspetto patrimoniale quanto quello dell’assistenza personale a vantaggio dei soggetti disabili, ma il Trust per il Dopo di Noi si può fare anche per il disabile non grave!
  • Il Trust per il "Dopo di Noi" va realizzato "Durante Noi", dalla famiglia!
  • La legge 112/2016 sul Dopo di Noi riconosce al Trust un trattamento fiscale di favore e ha come destinatari i disabili gravi di cui alla legge 104/1992, art. 3, comma 3

 

 

Trust e passaggio generazionale

 

  • Il Trust trova una utile applicazione per programmare il passaggio generazionale nell’azienda ed assicurare continuità di gestione nell’impresa e nel patrimonio di famiglia
  • Il trustee sostiene nelle scelte, che si possono compiere nel tempo, da parte del Disponente o di altri soggetti, da questi designati, circa la individuazione del successore rispetto al fondatore, nella conduzione dell’azienda
  •  Trattamento fiscale di favore in applicazione della normativa sui patti di famiglia
  • Disciplinare il passaggio della ricchezza tra diverse generazioni spesso conduce, per un certo tempo, a separare gli interessi di godimento e di conservazione di un patrimonio dalla gestione attiva e quotidiana dello stesso affidandola ad un terzo (il trustee)

 

 

Trust di patto di sindacato

 

  • Superiorità del trust rispetto alle varie strutture civilistiche comunemente impiegate, il patto di sindacato con il Trust ha una efficacia "reale" dato il trasferimento della proprietà delle azioni a un terzo da parte dei soci sindacati
  • I soci sindacati non sono più proprietari né delle azioni sindacate né delle azioni di alcuna altra società alla quale le prime siano state apportate
  • I patti di sindacato possono perseguire obiettivi assai diversi e le disposizioni dell’atto istitutivo saranno modellate secondo lo specifico obiettivo
  • Utilizzo del Trust per un  Sindacato di controllo fra soci di una società per azioni, mirante all’esercizio concordato del voto in assemblea: effetto “reale” del patto con il trasferimento delle azioni al Trustee

 

 

Trust per garantire l'apporto del terzo in un concordato preventivo

 

  • E' una configurazione del Trust di garanzia in cui il disponente, di sua iniziativa, segrega in trust una massa di beni per lo scopo scecifico di rassicurare i creditori in una procedura di concordato preventivo, agevolando l'accettazione del piano concordatorio.

 

 

Il Trust  negli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182-bis LF

 

  • Si pensi alla garanzia che terzi possono concedere vincolando in Trust  beni ai fini dell'esecuzione dell'accordo

 

 

Il Trust  e il fallimento

 

  • Una soluzione alla "crisi d'impresa"?
Roma
Via A. Bertoloni, 55
00197 Roma
telefono: 06 8070851
fax; 06 8080919
Milano
Largo Augusto, 1
20122 Milano
telefono: 02 76020145
fax; 02 76004412
Genova
Via XII ottobre, 12
16121 Genova
telefono: 010 5707180
fax; 010 5535285
Torna ai contenuti